Rock 'n' roll all'Animal Boat.

Daisuke Mukasa e il suo mondo vintage nella moderna Tokyo.

Il negozio Animal Boat è un paradiso per gli entusiasti del vintage. Qui, il preparatore giapponese Daisuke Mukasa salva le moto classiche dall'estinzione e le riporta in pista con il suo Curry Speed Club.  

Non ha idea di quanti metri abbia il suo negozio. “Misuriamo in tatami, non in metri quadri”, afferma Daisuke Mukasa. I tatami sono stuoie in paglia di riso realizzate secondo dimensioni standard e utilizzati come unità di misura per l'area in Giappone. Questa isola del tesoro, denominata Animal Boat, misura probabilmente circa 50 tatami, all'incirca 80 metri quadri. Si trova in una strada trafficata nel quartiere Ōta nella parte sud di Tokyo Poco appariscente. Qualche vecchia moto a sinistra e a destra all'ingresso è il solo accenno al mondo da scoprire dietro la semplice porta di legno e vetro: una combinazione tra museo e un negozio di cianfrusaglie. In questo spazio ridotto, il quarantaseienne accumula moto e componenti, molti dei quali hanno più della sua età.

C'è un corridoio stretto tra il banco di vendita e i banchi di lavoro dove Daisuke pratica la sua arte. La maggior parte delle moto si trova verso il retro del negozio, circa 50. Sono accatastate, talvolta una sopra l'altra, la fila superiore sostenuta da una barra di acciaio. Dal soffitto pendono sistemi di scarico e pannelli di rivestimento, serbatoi ammaccati, orologi analogici e chitarre decorano le pareti. Come opere in una mostra retro-chic. C'è un basso in verticale appoggiato nell'angolo, file di giacche di pelle e caschi sulla parete dietro il banco di vendita e vetrine di modellini di auto nelle loro scatole originali. Quando i vostri occhi si saranno abituati al caos, inizierete a vedere l'ordine: ogni cosa ha il proprio posto in questa piccola officina. “Qui a Tokio dobbiamo mantenere gli oggetti compatti e ben ordinati”, afferma Daisuke. Questo perché in questa metropoli lo spazio è scarso e costoso.  

+ Di più
«
L'Animal Boat è l'arca di Noè per le vecchie moto. E come Noè ha salvato gli animali, io salvo le moto classiche.
»

Daisuke Mukasa, preparatore e pilota di moto vintage

L'arca di Noè per le moto.

L'Animal Boat è un rifugio. Per Daisuke e per i suoi clienti, ma soprattutto per le moto che non hanno più un posto nel Giappone tecnologico. “Praticamente questa è l'arca di Noè delle moto”. Daisuke parla con pacatezza. Come se la sua storia fosse un fragile cristallo. La sua natura attenta contrasta con il suo aspetto ruvido: barba sul mento, vestiti neri, berretto e tatuaggi. Indossa una collana con un piccolo teschio e alcune ossa incrociate come portafortuna in pista. “Quando ho aperto il negozio, non avevo soldi per nuove moto costose. Quindi ho comprato quelle vecchie, le ho restaurate e personalizzate. Mi sentivo come se le stesse salvando”. Daisuke ha aperto un negozio nel 1995, dopo aver lavorato come meccanico in un officina di moto a Tokyo. “Ho iniziato a guidare le moto a 19 anni, avevo una Honda CB 400. Le moto hanno cambiato totalmente la mia vita, hanno capovolto il mio mondo.”  

+ Di più

Un normale lavoro a tempo "indeterminato".

Daisuke apre l'attività alle 11. I suoi clienti sono appassionati di moto vintage e contano sulla sua esperienza nella personalizzazione e nel restauro. “Il bello della personalizzazione è che ogni cliente viene da me con idee diverse. Alcuni privilegiano la velocità, altri l'aspetto. Provo sempre a superare un po' le loro aspettative”. Fare sempre un po' di più di quanto necessario è un motto che riflette l'attitudine giapponese, che pone un'enorme importanza sull'eccellenza del lavoro. I preparatori non fanno eccezione. Per affermarsi nel panorama custom giapponese, dovrete superarvi e soprattutto lavorare duro. “Chiudo alle 21 e lavoro sulle moto fino a mezzanotte. Talvolta faccio così tardi che devo dormire qui. Ho un letto nel retro”. Daisuke indica una porta nascosta nel retro. “Mi sento a casa qui”.  

+ Di più

L'epitomo della facilità.

Momento di chiusura: Daisuke si incontra con gli amici.

L'epitomo della facilità.

Visto che di giorno non c'è tempo, Daisuke qualche volta s'incontra con gli amici per andare in moto la sera tardi. “Le strade sono per noi di notte. Mi spiace attraversare il Tokyo Gate Bridge fino a Yokohama o i tunnel”. Molti motociclisti si incontrano di notte in uno dei tunnel di Tokyo. Sperimentano una libertà pura mentre sfrecciano nei tunnel avvolti dalla luce attenuata e dal rombo dei motori. Ecco dove Daisuke trae la sua energia per il giorno dopo e per le prossime sfide in officina.  

+ Di più

Grande attenzione ai dettagli: R nineT Racer.

“Non siamo solo noi preparatori che ci prefiggiamo alte aspettative. Anche i clienti si aspettano un lavoro perfetto. Questa attenzione ai dettagli è probabilmente tipica giapponese: è innata”. Ma per Daisuke, non sono solo i dettagli a creare la moto perfetta. Innanzitutto, la moto nel suo complesso deve essere caratterizzata dall'equilibrio. “Equilibrio e armonia sono fondamentali. Le singole parti devono essere ottimali, ma voglio che l'insieme sia perfetto”.  

+ Di più

Corse vintage al sapore di curry.

Controllo prima della corsa: i ragazzi del Curry Speed Club di Daisuke.

Corse vintage al sapore di curry.

Le sue dita scivolano sulla superficie liscia della sua moto da corsa. Ha ricostruito completamente il telaio secondo uno stile degli anni 60 e aggiornato il motore Honda 60 cc a tre velocità e quattro tempi in un 7 CV. Dal manubrio, sedile, sistema di poggiapiedi al freno e alle leve del cambio, è difficile trovare qualcosa sulla moto che non abbia realizzato lui stesso. Si è regalato qualche parte di ricambio originale Honda RSC racing. La moto è perfettamente allestita per le corse che lui stesso organizza; partecipa anche al: B.O.B.L. – Battle of Bottom Link.  

+ Di più

Daisuke pensa che la competizione in pista rafforzi l'amicizia.

Quattro volte l'anno, gli appassionati di vintage provenienti da tutto il Giappone si incontrano su circuiti remoti per sfidarsi tra loro sulle moto old-school. I piloti si sfidano a gruppi. Per questo motivo Daisuke e i suoi amici hanno fondato il Curry Speed Club. “Tutte le volte che ci incontravamo, qualcuno portava del curry per tutti”, spiega Daisuke, sorridendo. “Amo andare in moto con gli amici. Il nostro rispetto reciproco è un elemento positivo in pista. E un po' di rivalità non guasta nell'amicizia”.  

+ Di più
«
Forse sono così interessato al passato perché non l'ho vissuto direttamente. Quando guido una moto d'epoca, passato rivive e io ne faccio parte.
»

Daisuke Mukasa

Rock 'n' Roll in pista.

Le corse vintage sono di tendenza in Giappone. Le moto d'epoca hanno reso di nuovo le corse accessibili in particolare per i giovani. Ecco perché la maggior parte dei piloti sulla pista B.O.B.L. hanno un'età compresa fra i 20 e 40 anni, e anche le donne vi partecipano. Ci sono gare che durano tutto il giorno; il Curry Speed Club compete contro gruppi come i Cool Beans o i ragazzi del Drive Thru. Il fumo delle moto pervade l'aria e si combina con la nebbia tipica delle zone montane del Giappone. I piloti spingono le proprie moto al limite e oltre con i poggiapiedi che toccano terra e i motori che rombano. “Mi piace immergermi nel passato. È stato divertente tornare nel passato. Amo questo stile”, afferma Daisuke.

Incarna l'aspetto vintage fino all'ultimo dettaglio. Moto, attrezzi, vestiti, rock 'n' roll. “Suono la chitarra e faccio musica con gli amici. Talvolta, durante una corsa, mi torna in mente una canzone. Sono completamente nel mio elemento”. Anche qui ai bordi della pista, Daisuke continua con il suo tono di voce pacato. Forse si tratta di un tratto tipicamente giapponese, ma a malapena tradisce le sue emozioni quando in modo pacato ma fiducioso afferma: “La tecnologia classica non morirà mai. Il motore scoppiettante è fedele alla nostra idea. Ci regala belle sensazioni”.  

+ Di più