Il piacere di guidare da dietro le quinte.

La realizzazione del Park ‘n’ Ride Challenge.

La realizzazione del video del Park ‘n’ Ride Challenge non è stata solo una sfida per la G 310 R. Le riprese sono durate per due nottate, sono stati montati un numero infinito di tubi al neon, sono state bruciate tavole da skate, sono state prodotte ore di filmati e ovviamente sono stati bevuti litri di caffè. E il divertimento dietro le quinte non è mai venuto meno. Tra gli altri ci ha pensato Chris Northover che era sempre di ottimo umore anche alle 4 di mattina.

Realizzazione

Buon umore.

Buon umore.

Proiettori, nebbia e luci: un normale parcheggio multipiano è stato trasformato in un hotspot cittadino per motociclisti e skater. Il lavoro è stato eseguito simultaneamente su due livelli per tutto il tempo. Un duro lavoro manuale di montaggio e smontaggio per creare al contempo il punto perfetto per il Park ‘n’ Ride Challenge. Nel momento in cui una scena veniva allestita partiva il ciak: Azione.

+ Di più

Sarah, Guto, Chris e Sebastian non hanno bisogno di sentirselo ripetere due volte. Perché quando degli stunt rider e degli skater campioni del mondo e d'Europa danno gas l'azione è garantita. Anche le pause sono state sfruttate completamente per il massimo godimento della guida. Guto e Sebastian hanno fatto in modo che vi fosse la possibilità per tutti sul set di provare i vari sport con brevi lezioni di longboarding. Sarah ha colpito con alcune impuntate e impennate giusto per scaldarsi un po'.

L'azione era sempre presente per tutte e due le nottate e il divertimento di guidare era chiaro a tutti. Il risultato puoi vederlo tu stesso qui:

+ Di più
«
Era chiaro fin dall'inizio che sarebbe stato un divertimento allo stato puro.
»

Sarah Lezito

Stuntmen

Park 'n' Ride Challenge

Passiamo al livello successivo con la G 310 R.

Ulteriori informazioni
Altre storie che potrebbero interessarti.
La motocicletta adatta.
spinner