Pronti, Attenti, Via!

Con la HP4 RACE sull'isola di Man.

Test spettacolare sull'isola di Man: Peter Hickman guida la HP4 RACE nella corsa più veloce al mondo e si proietta nel futuro con questa innovativa moto da corsa su una delle piste più ricche di tradizioni. Una prova su strada fino al limite.

«
Se gareggi vuoi anche vincere. E se costruisci una moto come questa, vuoi costruire la migliore motocicletta al mondo.
»

Josef Mächler, Product Manager

Quando la HP4 RACE numero 001 ha lasciato le officine BMW Motorrad di Berlino, il meccanico industriale Süleyman Aktepe aveva collaudato questa moto da corsa al carbonio sul banco a rulli. Assistenza eseguita, tecnologia collaudata, moto approvata. Adesso la moto sembra pronta per scattare dalla griglia di partenza dell'isola di Man. Qui la quinta stagione è in pieno svolgimento, quando la tranquilla isola nel mare d'Irlanda diventa il centro del mondo, come ogni anno, in questo periodo.

+ Di più

Tourist Trophy – serve per testare i tuoi limiti personali, quelli attuali e come allungarli ed espanderli idealmente. Fino in fondo, è comunque l'intenzione di Peter Hickman. Su questo tracciato spettacolare e incredibilmente veloce, vuole guidare la HP4 RACE in una prova su strada fino ai limiti e conquistare in questo modo il Tourist Trophy dell'isola di Man.

+ Di più

Uno come nessun altro

Il tracciato: 61 chilometri di scenari spettacolari. Viali con alberi secolari, praterie, pascoli e villaggi. Antichi muretti in pietra e recinzioni da giardino dietro le quali si allineano gli spettatori, anch'essi carichi di adrenalina come i piloti stessi. Nessun altro tracciato al mondo presenta cosi tante curve e colline da superare, e nessun altro ha così tanti rettilinei per l'alta velocità. A Douglas la bandiera del via è già sollevata sulla linea di partenza e Peter Hickman è pronto a lanciarsi sul circuito dello Snaefell Mountain Course, che conosce fino all'ultimo dettaglio. Ogni cima, ponte e valle. Ogni marciapiede e ogni tombino. Sul rettilineo di Sulby l'inglese spinge la moto al regime massimo dei suoi 215 CV.

+ Di più
«
Ho tenuto una media di 120 miglia l'ora (193 km/h), anche se mi sono seduto su questa moto per la prima volta. Poi ho fatto un paio d'impennate così da divertire anche il pubblico.
»

Peter Hickman, pilota

Sul Mountain Course.

Sul Mountain Course.

Peter Hickman ha completato due giri del circuito con la HP4 RACE. Velocità media: 120 miglia all'ora (193 km/h) – comprese un paio d'impennate in quinta e sesta marcia. "Questa è stata una cosa totalmente unica e speciale", afferma Peter, all'arrivo a Douglas. Raggiante, racconta di come la moto sia maneggevole. "Ho cavalcato per la prima volta la HP4 RACE ed è stato fantastico. All'inizio pensi che il carbonio renda la macchina un po' più dura e rigida, ma non è questo il caso. Il feedback avuto dalla HP4 RACE è stato migliore che con la mia superbike".

+ Di più

Superbike come standard

Peter Hickman conferma quello che il project manager Christian Gonschor ha descritto come un tratto caratteristico eccezionale di questa macchina esclusiva. Lui è stato quello che all'inizio del 2015 con un piccolo team ha lanciato la HP4 RACE. Come ex team leader Chassis del team di lavoro della BMW Superbike World Championship e appassionato motociclista, ha avuto fin da subito una visione: legata indissolubilmente al tema carbonio. Cerchi in carbonio, parte posteriore in carbonio e soprattutto la produzione industriale su scala ridotta di un telaio totalmente in carbonio: una pietra miliare. "La HP4 RACE ha spinto in avanti tutti i limiti" afferma Christian Gonschor. "Non c'è mai stata una moto così leggera, potente, esclusiva e innovativa".

+ Di più

Sviluppata da chi gareggia.

Sviluppata da chi gareggia.

Con l'uso di materiali di altissima qualità come le viti in titanio, ma principalmente, impiegando componenti in carbonio, gli sviluppatori hanno ridotto il peso della HP4 RACE fino a 146 chili a vuoto. Questa è una struttura compatta e leggera. In questo modo la moto è più leggera delle ultime moto da corsa sviluppate per il campionato del mondo Superbike e poco più pesante di quelle della MotoGP. "Ci siamo arrivati come piloti sportivi. Cercando sempre il meglio, senza compromessi, questo è quello che abbiamo dato alla moto" ci racconta il product manager Josef Mächler. Anche lui è attivo sulle piste e ha collaudato su strada più volte la HP4 RACE. "Tutti quelli che hanno lavorato su questa moto sono infettati dal virus delle corse".

+ Di più
«
Abbiamo creato una leggenda e non stiamo solo scrivendo la storia dell'azienda ma anche un pezzo di storia per tutti coloro che sono stati coinvolti nella realizzazione della HP4 RACE.
»

Christian Gonschor, Project Manager della HP4 RACE

Fuori dal nulla.

Fuori dal nulla.

Allo stesso modo Josef Mächler non poteva aspettare l'apparizione della moto davanti al grande sfondo dell'Isola di Man. Peter Hickman dall'altro lato ha sperimentato uno dei molti aspetti di punta quando a collaudato la HP4 RACE. Dopo non aver praticamente conquistato neanche un podio al TT, quest'anno con la S 1000 RR ha già fatto incetta di titoli: cinque podi in altrettante gare, compreso un secondo posto nel Senior TT e la vittoria nel "Joey Dunlop Championship Trophy" per la migliore prestazione generale. Non riusciremo mai a dimenticarci della sua corsa sulla HP4 RACE. "È incredibile come la moto riesca a cambiare così facilmente direzione sulle curve. Specialmente al massimo della velocità, questo fa una differenza determinante su un circuito come quello del TT dell'isola di Man, con molti tratti rapidi. Questa moto è il futuro. Una superbike di altissimo livello, una macchina da corsa superlativa: senza alcun dubbio".

+ Di più

HP4 Race

HP4 RACE

Sport

CHF 78'000.-

Ulteriori informazioni