La BMW R nineT Scrambler con boxer bicilindrico 1200 ccm.

Progettato per regimi più elevati, il nuovo motore boxer bicilindrico è dotato di doppi alberi a camme in testa azionati a catena (DOHC) per ogni cilindro. Le valvole sono azionate con bilancieri straordinariamente leggeri ideali per gli alti giri. Grazie alla disposizione radiale delle quattro valvole si è potuto realizzare la camera di combustione con un design compatto. Analogamente al modello precedente, l'accensione avviene mediante due candele. Anche il rapporto di compressione rimane invariato a 12.0:1. Grazie al suo controllo della detonazione la moto può essere rifornita con benzina “Super (plus)” (95– 98 RON). La potenza nominale è stata stabilita con 98 RON.

+ Di più

Nel nuovo motore bicilindrico boxer, la disposizione orizzontale degli alberi a camme genera due peculiarità tecniche. Ogni albero a camme aziona una valvola d'aspirazione e una di scarico. Grazie alla disposizione radiale delle valvole, le camme sono rettificate a forma conica. La fasatura dell'alimentazione e dello scarico per i due alberi a camme è stata ottimizzata in modo specifico per un'erogazione particolarmente corposa a regimi medi e bassi con uno scatto immediato per raggiungere le alte velocità.

Rispetto al modello precedente, il diametro della testa delle valvole sul lato di aspirazione è stato aumentato da 36 a 39 millimetri e sul lato scarico da 31 a 33 millimetri. La compensazione del gioco valvole è fatta tramite spessori semisferici leggeri. Una grande sezione trasversale libera delle valvole è stata ottenuta aumentando a 10,8 mm l'alzata valvole sui lati dell'alimentazione e dello scarico, rispetto ai precedenti valori di 10,54 e 9,26 mm rispettivamente. Il risultato è un magnifico motore di carattere che dimostra in modo convincente la propria superiorità sin dai regimi minimi: un perfetto esempio di prestazioni straordinarie e accelerazione immediata.

+ Di più
Uno dei principali obiettivi nello sviluppo del nuovo motore bicilindrico boxer è stato anche l'ulteriore miglioramento della dolcezza di funzionamento dovuta all'albero di equilibratura. Quest'ultimo, per risparmiare spazio, scorre all'interno dell'albero cavo ausiliario per l'azionamento dell'albero a camme assicurando così la dolcezza di funzionamento ottimale e una curva di coppia molto morbida a tutti i regimi, ma senza diluire il carattere essenziale del motore bicilindrico.
Non è stato modificato il precedente rapporto alesaggio/corsa di 101:73 per una cilindrata di 1170 cm3. Non sono state effettuate modifiche sull'albero a gomiti, la biella, e i cuscinetti, mentre i due pistoni in alluminio pressofuso sono stati riprogettati e adattati alla nuova geometria della camera di combustione.
+ Di più

Altra tecnologia nel dettaglio