Il sistema Paralever, unendo le funzioni della guida della ruota posteriore e della trasmissione di potenza, riduce fortemente le forze indotte dalla trasmissione ad albero cardanico che risulterebbero opporsi al naturale schiacciamento della sospensione durante l’accelerazione. Questo momento di rialzo è effettivamente compensato, mentre un braccio oscillante tradizionale necessiterebbe di una lunghezza di oltre 1,4 m. Sostanzialmente agisce come un puntone di reazione alla coppia tra l'asse posteriore e il telaio.
Nel Paralever della nuova generazione di boxer e serie K, il puntone è collegato mediante un giunto al braccio oscillante. Un vantaggio di questa struttura è di poter aumentare notevolmente lo spazio da terra nell'area della ruota posteriore.
L'alloggiamento in lega leggera dell'asse posteriore ha un collegamento mediante giunto con il forcellone oscillante del Paralever monobraccio, realizzato anch'esso con una fusione in lega leggera. Quest'ultimo supporta l'albero cardanico. Un giunto cardanico supplementare nel punto di articolazione di questo collegamento trasferisce potenza alla trasmissione della ruota posteriore, il cui alloggiamento è supportato sul telaio mediante un puntone di spinta. L'albero cardanico è collegato mediante un giunto universale all'albero di uscita del cambio.
La cinematica del Paralever è stata progettata in modo tale che non si verifichi alcun cambiamento alla lunghezza, e ciò significa che non è necessario alcun ulteriore leveraggio. Per un maggior comfort un ammortizzatore di vibrazioni torsionali è integrato nell'albero cardanico. Nel punto di articolazione del telaio - sia sul telaio in lega leggera dei modelli K e sui telai di acciaio dei motori bicilindrici - il braccio oscillante del Paralever è supportato da cuscinetti a rulli conici regolabili che non richiedono manutenzione. A seconda del tipo di moto, l'ingranaggio conico sul telaio posteriore trasferisce la coppia motrice in modo appropriato. L'ingranaggio conico più grande, chiamato corona, è collocato tra un cuscinetto a sfere scanalato all'interno e una boccola a rulli all'esterno. Tutta la catena cinematica è supportata mediante un puntone centrale montato sul braccio del Paralever. La trasmissione in tutte le moto BMW, modelli bicilindrico boxer e modelli a quattro cilindri K, non richiede manutenzione, tranne per le sostituzioni dell'olio previste, che fanno parte della manutenzione periodica.
In abbinamento al design del braccio oscillante meno pesante e all'alesaggio più grande di 50 mm nell'alloggiamento del giunto di trasmissione si verifica una riduzione notevole delle masse sospese che agiscono sulla ruota posteriore. Il telaio risponde molto velocemente e con sensibilità alle superfici irregolari. L'alesaggio nel tubo dell'asse assicura efficacemente la dissipazione del calore al di fuori dell’asse posteriore.
+ Di più

Altra tecnologia nel dettaglio